matrimonio civile milazzo sicilia wedding planner thaelo eolie taormina
Agata Giacobbo

Agata Giacobbo

Wedding Specialist - Fashion Consultant

Come fare le Pubblicazioni per il Matrimonio Civile

Pubblicazioni matrimonio cosa sono e a cosa servono?

Le pubblicazioni matrimonio sono un avviso pubblico, con il quale la coppia manifesta la volontà di sposarsi, affisso nel comune di residenza dei futuri sposi. Se gli sposi sono residenti in due Comuni diversi, l’avviso viene pubblicato in tutte e due le città. 

Per potersi sposare sia con rito civile sia con rito religioso sono necessarie le pubblicazioni di matrimonio.

Le pubblicazioni di matrimonio servono a far sapere a tutti che due persone hanno intenzione di sposarsi e servivano in passato per evitare che qualcuno, magari già sposato, si risposasse all’insaputa di tutti.  

Oggi le pubblicazioni hanno un carattere informativo e servono per comunicare alla propria città che ci si sta sposando. Pensate alla famosa frase: ”Se qualcuno ha qualcosa da dire parli ora o taccia per sempre!” ecco le pubblicazioni sostituiscono questa frase 😉

 

Quali documenti servono?

Le pubblicazioni di matrimonio non richiedono chissà quanti documenti: grazie all’autocertificazione la burocrazia si è notevolmente ridotta e le procedure sono state semplificate.

Importante: la validità dei documenti è sempre di 6 mesi

In ogni comune esiste un ufficio preposto alla registrazione dei matrimoni: i documenti necessari per le pubblicazioni di matrimonio (oltre ad un documento di identità valido) sono: 

  • Atto di nascita. 
  • Certificato contestuale di residenza, cittadinanza e stato libero. In quanto attestazione anagrafica (non di stato civile) è soggetto ad imposta di bollo. Tale certificato è necessario per acquisire elementi certi sull’identità anagrafica dei futuri sposi e sulla loro libertà di stato fin dall’inizio della Pratica Matrimoniale. 

Occorre fissare una data per effettuare il consenso, procedura ufficiale tramite la quale il Comune registra la reciproca volontà di sposarsi: non è necessaria la presenza di testimoni; è anche possibile che si presenti solo uno dei due futuri sposi, con delega firmata, copia della carta d’identità e del codice fiscale dell’altro. A questo punto il Comune espone le pubblicazioni.

Le pubblicazione saranno esposte nella bacheca e sul sito del Comune per 8 giorni.

Eseguite le pubblicazioni sarà rilasciato il certificato e dal 4° giorno successivo alle pubblicazioni i futuri sposi avranno a disposizione 180 giorni per contrarre matrimonio.

Importante: il regime che per legge regola i rapporti patrimoniali tra gli sposi è quello della comunione dei beni; le coppie che desiderano la comunione dei beni non devono fare niente, le coppie che desiderano la separazione dei beni devono comunicarlo per l’inserimento nel relativo atto di matrimonio. Chi trasferisce la residenza presso l’abitazione del coniuge o gli sposi che si trasferiscono in una nuova abitazione devono comunicarlo all’Ufficio Anagrafe; se si trasferisce la residenza in altro Comune, la comunicazione dovrà essere fatta all’Ufficio Anagrafe del nuovo Comune

 

Quali spazi si posso usare per celebrare il rito civile? 

Ogni Comune individua delle aree da utilizzare per la celebrazione dei Matrimoni con rito Civile e usualmente sono le aule consiliari. Oggi comunque sempre più Comuni individuano aree diverse dalle stanze del Municipio, utilizzando spesso loro proprietà di pregio come: castelli, ville, giardini, palazzi storici, ecc. Così gli sposi possono scegliere anche dove celebrare il rito del loro Matrimonio. Da considerare comunque che mentre la celebrazione del rito all’interno del Comune non prevede normalmente costi di affitto, diverso è se la cerimonia viene svolta all’interno di altre strutture comunali, in questo caso quasi certamente ci sarà da pagare una quota stabilita dal Comune stesso.

In aggiunta alle proprietà di pregio del Municipio alcuni Comuni danno la possibilità agli sposi di celebrare il matrimonio (in piena regola) direttamente all’interno di Location a patto che esista una precedente autorizzazione e si paghi la quota prevista.

Importante: se volete sposarvi direttamente all’interno della Location che avete scelto per il ricevimento, controllate sempre se è autorizzata dal Comune altrimenti il rito non avrà nessun valore legale.

 

Come posso arricchire la Cerimonia del Rito Civile?

Generalmente quando si pensa ad un Matrimonio Civile l’immagine che viene associata è quella di un evento freddo, impersonale, burocratico, officiato da uno sconosciuto. Pochi sanno però che questo può essere evitato. Dal 2000 infatti è in vigore un decreto del Presidente della Repubblica e precisamente il nr. 396/2000 che all’art. 1 prevede che le funzioni di ufficiale dello stato civile (cioè colui che celebra materialmente il matrimonio) possano essere delegate anche a un qualunque cittadino italiano purché sia maggiorenne e goda dei diritti civili e politici. Questo decreto vi permette di far celebrare il rito del vostro Matrimonio magari all’amico del cuore o ad un parente e di trasformare quindi l’impersonale rito civile in una cerimonia più particolare e personale. Non vi riducete però all’ultimo minuto a fare la richiesta al vostro Comune perchè i tempi burocratici sono sempre abbastanza lunghi. Ricordate comunque che si tratta sempre di una richiesta e pertanto potrebbe non essere accettata.

Oltre a far celebrare il rito del Matrimonio Civile ad un amico o ad un parente, esistono anche tante altre soluzioni per trasformare questo breve e freddo rito in una coinvolgente e sentita celebrazione capace di emozionare e di emozionarvi. Ad esempio un aspetto da non sottovalutare è quello musicale, scegliere i giusti strumenti e i giusti brani vi permetterà di creare una perfetta colonna sonora al vostro Matrimonio, unica e indimenticabile capace di rievocare ricordi ed emozioni. Potreste anche scegliere, sempre per rendere tutto più magico e personale, di affiancare al rito civile un rito simbolico, considerate che ne esistono di molti ognuno con il proprio profondo significato. Se volete che il rito simbolico non si trasformi comicamente in una farsa il consiglio è quello di contattare un celebrante che sia all’altezza, che possa guidarvi man mano in tutto il rito, permettendo a voi e ai vostri ospiti di vivere in modo sincero e con la massima emozione questo indimenticabile momento. Ricordate che per avere un ottimo risultato sarà anche importante l’acustica del luogo scelto che se non adeguata rischia di compromettere il risultato perchè i vostri ospiti, non riuscendo a partecipare con voi alla celebrazione del Matrimonio, saranno preda di facili distrazioni e il loro vociare diverrà in breve una fastidiosa colonna sonora dell’evento. Occhio così anche alla capienza del luogo che deve essere sempre messa in relazione al numero dei vostri invitati e alle scenografie che intendete realizzare, pertanto ottimizzate gli spazi magari con disposizioni di sedie o panche in modo unconventional ma funzionale.

Se volete approfondire l’argomento e capire come poter realizzare il vostro Matrimonio Civile nel migliore dei modi, riuscendo a trasformarlo da una semplice e fredda lettura di articoli del codice civile ad una vera e propria cerimonia coinvolgente, emozionante e sorprendente, richiedete ora una Consulenza Specialistica sul vostro Matrimonio. Saremo felici di aiutarvi analizzando le vostre scelte e fornendovi le giuste soluzioni per trasformare il vostro Matrimonio in un tripudio di complimenti!